Skip to content Skip to footer

Ultime Uscite

In seguito all’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022 l’Occidente ha avuto un momento…

Dopo un lungo periodo storico in cui le donne sono state reticenti a…

Prima di cominciare a indagare sul colore delle parole, sarà utile concordare quali…

Tutti ricordano la strage di piazza Fontana che è scolpita nella memoria del…

Temi

Le indagini sulle “navi a perdere” e la morte del Capitano Natale De…

Oggi, quando si parla di dieta mediterranea, intendiamo un’alimentazione che fa ingrassare o…

(da un incipit di Joe R. Lansdale) La mattina dopo, quando Giuseppe uscì…

Chiedere alla Francia l’estradizione dei latitanti era per lo Stato un diritto e…

Sono i poveri a mantenere il sistema che li costringe alla povertà Che…

  TESTIMONIANZE Guido Salvini[1] (G.I.P presso il Tribunale di Milano, ex Giudice Istruttore)…

Il 22 maggio 1939 il Regno d’Italia e la Germania nazista stipulano il…

L’Occidente è un mondo di moderati. Dall’ultimo agricoltore sud-europeo al primo degli industriali…

Alfredo Tessieri parla con Alberto Paradossi, attore classe ‘89 e nato a Lucca,…

Non ci fidiamo più di quello che vediamo, ascoltiamo e – soprattutto –…

Il sole basso allungava le sagome degli ombrelloni, ancora  chiusi. La spiaggia davanti…

Red Bernardi era un pugile, e Red era il suo vero nome. Un…

Sgombriamo subito il campo dai possibili fraintendimenti: quello che segue non è un…

Introduzione Questa terza e ultima puntata della serie “Compagna dell’impero” presenta tre storie…

Manifesto

Lucca, 2022

Ātman Journal nasce dalla volontà di due ragazzi lucchesi di voler respirare, ma nel nostro mondo, il mondo dell’economia e della finanza, del denaro e del capitalismo, non respiriamo. È evidente. Viviamo come possiamo, più male che bene, restiamo ai margini, e quasi sempre mimetizzati. Desideriamo la vita vera, quella che è assente, abbiamo paura di perderci per strada.

Conoscere, dice Socrate, è stabilire un collegamento. Il nostro intento è quello di creare un’isola, dove all’interno ci sia tutto: riepilogare le nostre realtà individuali mondane nella loro essenza o se preferite nella loro verità. La conoscenza del molteplice non ha mai fine ed è sempre parcellizzata. È quantitativa, orizzontale e scientifica. Non sazia l’anima. Non dà alcun senso alla vita, e a noi non interessa. Noi vogliamo far riemergere il senso originario della parola “tragedia“.

Per gli antichi greci la tragedia doveva sostanzialmente mettere a nudo la trama della vita che di solito resta celata, e produrre così a un tratto e fugacemente, il “soverchiante sentimento di unità” come scrive Nietzsche.

Buon divertimento e buona lettura.

This Pop-up Is Included in the Theme
Best Choice for Creatives
Purchase Now