Skip to content Skip to footer

Ultime Uscite

Anche se non si parla più di Homintern – un vero peccato si…

Un’oscura associazione sovversiva, un gruppo che agisce al servizio dei poteri forti, un…

Qualcuno li chiama GAFAM: Google, Apple, Facebook, Amazon e Microsoft. Sono i giganti…

Negli anni, ho imparato che quando si parla di università ognuno pensa che…

Temi

Quando si adatta un romanzo per farci un film gli ostacoli da superare…

Dopo la lunga amministrazione belga, il leader della corrente indipendentista della Repubblica Democratica…

Dalle lotte verticali a quelle orizzontali La sinistra non esiste più. O almeno…

È il 6 maggio del 1938 e l’Italia fascista si appresta a celebrare…

  TESTIMONIANZE Guido Salvini[1] (G.I.P presso il Tribunale di Milano, ex Giudice Istruttore)…

Spesso nel racconto di quel periodo storico che va dall’Unità d’Italia nel 1861…

Negli anni, ho imparato che quando si parla di università ognuno pensa che…

Il caporedattore di Atman Journal Pietro Menichetti intervista Giordano Cavini Casalini, attivista di…

Nel 1885 i principali capi di stato europei si riunirono a Berlino per…

Come comincia esser noto, la questione ambientale è inseparabile dall’attuale assetto dell’ordine mondiale,…

Ubaldo Stecconi parla con Diego Marani di Nuova grammatica finlandese, La nave di…

Edipo era un principe, figlio di Laio, re di Tebe. Nessuno avrebbe mai…

Sono nato nel 1998, nel periodo in cui l’Italia spazzava via le ultime…

Perché il costante aumento dei fenomeni metereologici estremi, i continui rapporti dell’Intergovernmental Panel…

Manifesto

Lucca, 2022

Ātman Journal nasce dalla volontà di due ragazzi lucchesi di voler respirare, ma nel nostro mondo, il mondo dell’economia e della finanza, del denaro e del capitalismo, non respiriamo. È evidente. Viviamo come possiamo, più male che bene, restiamo ai margini, e quasi sempre mimetizzati. Desideriamo la vita vera, quella che è assente, abbiamo paura di perderci per strada.

Conoscere, dice Socrate, è stabilire un collegamento. Il nostro intento è quello di creare un’isola, dove all’interno ci sia tutto: riepilogare le nostre realtà individuali mondane nella loro essenza o se preferite nella loro verità. La conoscenza del molteplice non ha mai fine ed è sempre parcellizzata. È quantitativa, orizzontale e scientifica. Non sazia l’anima. Non dà alcun senso alla vita, e a noi non interessa. Noi vogliamo far riemergere il senso originario della parola “tragedia“.

Per gli antichi greci la tragedia doveva sostanzialmente mettere a nudo la trama della vita che di solito resta celata, e produrre così a un tratto e fugacemente, il “soverchiante sentimento di unità” come scrive Nietzsche.

Buon divertimento e buona lettura.

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato sulle prossime uscite

E-mail

info@atmanjournal.it
This Pop-up Is Included in the Theme
Best Choice for Creatives
Purchase Now