Skip to content Skip to footer

Ultime Uscite

Temi

Cosa differenzia l’agricoltura biologica da quella convenzionale? Perché la riscoperta dell’agricoltura biologica può…

Come rappresentare il tragico, ovvero l’ineluttabile, oggi? Chiariamo preliminarmente cosa intendo con “tragico”:…

Michele: Ciao Giorgio, ti ho visto in biblioteca stamattina, cosa stavi leggendo?  Giorgio:…

Sono passati cento anni da quel giorno, eppure sembra molto vicino. Cosa sono…

Nel 1885 i principali capi di stato europei si riunirono a Berlino per…

Alfredo Tessieri parla con Alberto Paradossi, attore classe ‘89 e nato a Lucca,…

  “La crisi del cinema è crisi di idee, non ci sono più…

Le allodole sono uccelli di piccola taglia dal canto piacevole e sottile e…

L’Occidente è un mondo di moderati. Dall’ultimo agricoltore sud-europeo al primo degli industriali…

Il periodo che parte intorno al 1947 e arriva fino alla fine del…

In questo momento della mia vita mi trovo a pochi chilometri da Roma,…

In occasione del 45° anniversario dell’assassinio di Aldo Moro, pubblichiamo un’intervista al magistrato…

“The Whale” si è fatto attendere. La sensazione è stata quella di una…

Manifesto

Lucca, 2022

Ātman Journal nasce dalla volontà di due ragazzi lucchesi di voler respirare, ma nel nostro mondo, il mondo dell’economia e della finanza, del denaro e del capitalismo, non respiriamo. È evidente. Viviamo come possiamo, più male che bene, restiamo ai margini, e quasi sempre mimetizzati. Desideriamo la vita vera, quella che è assente, abbiamo paura di perderci per strada.

Conoscere, dice Socrate, è stabilire un collegamento. Il nostro intento è quello di creare un’isola, dove all’interno ci sia tutto: riepilogare le nostre realtà individuali mondane nella loro essenza o se preferite nella loro verità. La conoscenza del molteplice non ha mai fine ed è sempre parcellizzata. È quantitativa, orizzontale e scientifica. Non sazia l’anima. Non dà alcun senso alla vita, e a noi non interessa. Noi vogliamo far riemergere il senso originario della parola “tragedia“.

Per gli antichi greci la tragedia doveva sostanzialmente mettere a nudo la trama della vita che di solito resta celata, e produrre così a un tratto e fugacemente, il “soverchiante sentimento di unità” come scrive Nietzsche.

Buon divertimento e buona lettura.

This Pop-up Is Included in the Theme
Best Choice for Creatives
Purchase Now